Cover Wars (109)

coverwars

 Ben ritrovati amici lettori. La copertina vincitrice della nostra ultima sfida è… quella originale.

Il punteggio attuale è quindi di 50 a 46 per le cover originali.

Abbiamo già pronta per voi una nuova sfida: per partecipare, vi basta votare la cover che preferite tra le due che vi mostrerò. Non si vince nulla, ma è divertente scoprire come alcune copertine, nel passaggio di edizione, vengano completamente stravolte, per non parlare dei titoli!

Questa settimana si scontrano le cover di…

Magisterium di Holly Black e Cassandra Clare

 
 

Usagi: voto la cover originale perché ne preferisco l’immagine.

Yuko: devo ammettere che esteticamente preferisco l’immagine della cover italiana solo che la trovo troppo simile a quelle della serie Shadowhunters e poco in linea col contenuto del romanzo, per cui voto l’originale.

Voi quale preferite?

Il genio e il golem – Helene Wecker

Il genio e il golem – Helene WeckerIl genio e il golem di Helene Wecker
Parole chiave: Fantasy, Storico
Pagine: 590
Formato: Paperback
Editore: Neri Pozza
Data di pubblicazione: Ottobre 2013
Goodreads Amazon.it
two-half-stars
Ho preso in prestito Il genio e il golem di Helene Wecker in biblioteca (sono ancora scioccata dall’averlo trovato lì, confesso) e, per dirla con tutta franchezza, sono lieta di non aver dovuto spendere soldi per leggerlo. Purtroppo la mia sarà una voce fuori dal coro, dato che la pagina Goodreads del romanzo pullula di votazioni altissime, ma io devo ammettere di non averlo molto apprezzato.

Il genio e il golem in lingua originale

Protagonisti della storia sono, indovinate un po’, un genio e una golem, Ahmad e Chava. Lui, intrappolato in un antico fiasco, si ritrova catapultato nella bottega di uno stagnino a Manhattan nel 1899; lei, nello stesso anno, dopo essere stata risvegliata, si ritrova a dover affrontare la vita di tutti i giorni in quel di New York, estraneo in un mondo a lei estraneo. Entrambi hanno una regola fondamentale: mantenere un segreto la loro vera natura. Ma man mano che si avvicinano alle persone e alla loro quotidianità diventa sempre più difficile nascondere qualcosa di così grosso, specie quando il tuo segreto ti costringe a sentirti completamente solo al mondo. Finché non si incontrano.

Che dire, gran parte del mio disappunto nei confronti di questo romanzo è dovuto a una sola cosa, e cioè la noia che ho provato durante tutta la parte centrale del romanzo. Ero stata avvisata, mi avevano detto che dopo una prima parte un po’ noiosa poi la storia sarebbe decollata: il problema è che pare che io sia fatta al rovescio. Le prime duecento pagine mi hanno avvinta, ogni volta che dovevo interrompere la lettura ne ero genuinamente dispiaciuta e non vedevo l’ora di poter ricominciare a leggere. Del resto mi piace avere un quadro nitido dell’ambiente in cui si muovono i personaggi e, ovviamente, dei personaggi stessi, per conoscerli e potermi avvicinare a loro, immaginarli. Poi però ho cominciato ad attendere che succedesse qualcosa di grosso. E ho atteso. Altre cento pagine. Ho atteso ancora. Ma questo qualcosa non è mai arrivato, o meglio, quando hanno cominciato a smuoversi significativamente le acque, ero tanto tediata che l’unica cosa che desideravo era che il romanzo si decidesse a finire. E non che le parti “d’azione” siano poi il massimo.

Indubbiamente l’autrice è molto brava nel descrivere luoghi e atmosfere e ho molto ammirato la sua cura nel costruire personaggi secondari di una certa rivelanza, non semplici macchiette sfumate. Ma sul loro uso ai fini della trama in realtà, in alcuni punti, ci sarebbe molto da ridire secondo me. Il problema sta nel fatto che l’autrice ha voluto giocare con alcuni elementi fantastici senza però poi saperli adeguatamente gestire: abbiamo, nella stessa storia un genio e un golem, aspettarsi un po’ di “magia” secondo me è il minimo. Invece non c’è niente di magico, non c’è meraviglia, niente mi ha lasciato a bocca aperta.

Anche Mirta è rimasta vittima de Il genio e il golem

Anche Mirta è rimasta vittima de Il genio e il golem

Chava e Ahmad, più che creature mitologiche, sembrano semplicemente una scusa per descrivere la situazione delle comunità immigrate a New York alla fine del diciannovesimo secolo. Vengono talvolta proposte delle domande e dei temi interessanti, ma per me non è stato abbastanza. La parte che ho apprezzato di più è sicuramente la storia del genio, l’unica che mi ha davvero ammaliato e incuriosito. Insomma, secondo me un romanzo che aveva un grosso potenziale che però non è stato adeguatamente sfruttato, o meglio, è stato utilizzato in un modo che ha deluso le aspettative che mi ero costruita leggendo la trama del romanzo. È molto più uno storico che un romanzo fantastico e anche il finale non mi ha pienamente soddisfatta.

Probabilmente non l’ho letto al momento giusto né con lo spirito giusto, fatto sta che Il genio e il golem mi ha annoiato e deluso.

About Helene Wecker

wecker-mono-low-res-240x300

Helene Wecker è cresciuta a Libertyville, nell’Illinois, e si è laureata in Inglese al Carleton College in Minnesota. Dopo la laurea, Ha lavorato nel settore del marketing e della comunicazione per poi tornare al suo primo amore, la scrittura di romanzi. Ora vive a San Francisco con suo marito e sua figlia.

#11BoutOfBooksReadAThon: Info e obiettivi!

Bout of Books

The Bout of Books read-a-thon is organized by Amanda @ On a Book Bender and Kelly @ Reading the Paranormal. It is a week long read-a-thon that begins 12:01am Monday, August 18th and runs through Sunday, August 24th in whatever time zone you are in. Bout of Books is low-pressure, and the only reading competition is between you and your usual number of books read in a week. There are challenges, giveaways, and a grand prize, but all of these are completely optional. For all Bout of Books 11 information and updates, be sure to visit the Bout of Books blog. - From the Bout of Books team

Come vi avevo anticipato, ecco la readathon che parzialmente si sovrappone alla Beat the heat: è la Bout of Books readathon, e più precisamente l’undicesima edizione. Le regole sono sempre le solite, non sto ad annoiarvi, per saperne di più potete cliccare sul link qua sopra. La maratona durerà una settimana, a partire da lunedì, e l’unico “obbligo” è leggere il più possibile.

goals

Di seguito i miei obiettivi:

  • leggere tre libri
  • uno di essi devo leggerlo assieme a mia sorella
  • pubblicare una recensione

Spero di riuscire a soddisfarli tutti! Non so con certezza matematica che libri leggerò, diciamo che idealmente vorrei leggere i seguenti romanzi:

My sister lives on the mantelpiece mayhem le città parallele
updates

Qui sotto segnerò i miei aggiornamenti.

Pagine lette: 371
Libri letti: My sister lives on the mantelpiece, Jedi Academy